Semi di Zucca ,Prostata e Memoria ,scopriamo i pregi di questi semi

09/08/2018

Semi di Zucca ,Prostata e Memoria ,scopriamo i pregi di questi semi


I Semi di zucca sono raccolti da alcune piante della famiglia delle Cucurbitaceae e dai molti vengono considerati erroneamente i “parenti poveri” della famiglia dei semi oleosi. Si trovano in quantità numerosa sulla superficie interna della zucca, ognuna delle quali contiene un numero di semi che può raggiungere persino le 500 unità. È possibile trovare i semi di zucca in ogni periodo dell’anno, sebbene i più freschi si trovino durante il periodo autunnale, ovvero nel periodo in cui le zucche sono di stagione. È richiesta la completa maturazione della zucca per poter estrarre dei semi di ottima qualità. Crudi o tostati in forno, questi gustosi bruscolini rappresentano un ottimo spuntino da sostituire ai classici snack confezionati, grazie all’elevato contenuto di principi attivi.

 

INFORMAZIONI SU PROPRIETA’ E BENEFICI

Innanzitutto, la presenza dell’amminoacido cucurbitina è responsabile dell’effetto antielmintico, cioè efficace nella lotta contro i vermi parassiti del nostro organismo, ragione che ha reso i semi di zucca popolari nella tradizione della medicina naturale. Sempre nel campo della cura naturale i semi di zucca, soprattutto l’olio da essi estratto, vanno annoverati per i notevoli effetti anti-infiammatori: un vero portento nel combattere irritazioni e gonfiori dovuti ad uno stato infiammato dell’organismo, arginando gli effetti collaterali classici dei medicinali.

Un altro aspetto rilevante di questi semi è l’appartenenza agli alimenti che consentono un notevole apporto di magnesio; questo elemento è coinvolto in una vasta gamma di funzioni fisiologiche, come sintesi di ATP (il fulcro della nostra energia vitale), di DNA ed RNA. Inoltre, il magnesio contribuisce al corretto funzionamento del pompaggio cardiaco, al rilassamento dei vasi sanguigni e alla regolazione della pressione sanguigna, evitare però i semi di zucca salati, in quanto la presenza di sale andrebbe ad annullare l’effetto benefico del seme.

Sempre grazie alla presenza di magnesio, anche denti ed ossa ne risultano rinforzati.

 

Oltre al magnesio, lo zinco presente in questi semi è un ottimo alleato nell’attivazione del sistema immunitario; ciò li rende utili soprattutto nella stagione dell’influenza per avere la giusta reattività contro virus e comuni raffreddori invernali.

Non dimenticando quelli che sono i notevoli effetti dello zinco nell’attivare le funzioni cerebrali e il potenziamento della memoria, così come i mirtilli i semi di zucca si dimostrano un vero toccasana per il cervello!

 

Lo zinco si rivela utile soprattutto negli uomini: infatti vari studi condotti dall’India all’Inghilterra rivelano che il giusto apporto giornaliero di tale elemento preverrebbe l’insorgenza dell’iperplasia prostaticabenigna (un rigonfiamento della prostata), o quantomeno la limiterebbe. Questo perché il tessuto prostatico, fisiologicamente ricco di zinco, andrebbe incontro a tale condizione come conseguenza della sua carenza.

 

Inoltre uno studio del 2009 pubblicato sul giornale coreano Nutrition research and practice ha dimostrato l’influenza benefica degli acidi grassi essenziali Omega-3, contenuti nell’olio di semi di zucca sulla cura dell’iperplasia benigna. I ricercatori concludono affermando che l’uso di tale prodotto rappresenterebbe un rimedio complementare e alternativo ai medicinali per il trattamento. Questo effetto è dovuto anche ai fitosteroli presenti nei semi, molecole chimicamente simili ad androgeni e estrogeni, i quali sono soprattutto utili ad abbassare i livelli di LDL, il colesterolo cattivo che circola nel sangue. I semi di zucca sono al terzo posto tra gli alimenti che contengono questo tipo di steroidi, subito dopo pistacchi e semi di girasole.


Per le donne i semi di zucca hanno almeno due effetti benefici per la presenza di fitoestrogeni. Durante la gravidanza abbassano i livelli di colesterolo nel sangue, mentre durante la menopausa vanno ad attutire i suoi sintomi: agiscono sulla regolazione della pressione sanguigna, andando a contrastare vampate, dolori articolari e mal di testa.

I semi di zucca, così come lenticchie e ceci, sono ricchi di ferro che aiuta a combattere la spossatezza di una giornata intensa, ecco perché sono un ottimo spezzafame.

Questi semi possono aiutare a godere di un buon riposo, grazie all’elevato contenuto di triptofano, il precursore biochimico della serotonina, il cosiddetto ormone della felicità, e della melatonina, ormone del sonno, che durante le ore notturne garantisce un ottimo recupero delle energie perse durante le ore diurne.

In minor misura i semi di zucca partecipando all’anabolismo diacido butirrico, ricordato tra i vari impieghi biochimici per gli effetti rilassanti che ha sul cervello, aiutano a ridurre ansia e stress.

Infine questi bruscolini deliziosi, sono indicati per i percorsi di dieta dimagrante, in quanto grazie alle proteine digeribili, in essi contenute, regolano i livelli di zucchero nel sangue, un aspetto che può risultare indispensabile qualora si cerchi di perdere peso.

 

Si consigliano, all'interno di un'alimentazione bilanciata e varia, circa 10 grammi al giorno di semi di zucca (60 calorie circa), corrispondenti a 1 o 2 cucchiai da tavola.

 

 

SPECIFICHE TECNICHE

I semi di zucca contengono: Grassi 49,05%, Carboidrati 10,71%; Proteine 30,23%; Fibre 6%; Zuccheri 1,4%; Acqua 5,23%; Amido 1,47%; Ceneri 4,78%.

Sono contenuti diversi altri minerali in più a quelli già citati, come calcio, fosforo, potassio.

Gli amminoacidi presenti sono: Acido Aspartico, Acido Glutammico, Alanina, Arginina, Cistina, Glicina, Fenilalanina, Istidina, Isoleucina, Leucina, Lisina, Prolina, Metionina, Serina, Tirosina, Triptofano, Valina, Treonina.

 

Calorie
100 g di prodotto hanno una resa calorica pari a 559 chilocalorie.





RICETTA

  • Polpette di patate ai semi di zucca
    Ingredienti per 4 persone

    •20 grammi di prezzemolo tritato • Olio extra vergine d’oliva quanto basta • 30 grammi di parmigiano grattato • 4 etti di patate morbide • Semi di zucca privi di buccia ed essiccati un etto • Pepe e sale a piacere • Un uovo grande • 4 cucchiai di pangrattato.

    Prendere le patate e pulire in maniera accurata, dopo lessarle in dell’acqua con molto sale. Pelarle subito dopo che si sono raffreddate. Successivamente schiacciarle con lo schiacciapatate (potete usare anche il passaverdure se non siete muniti di schiacciapatate) fino a ottenere una crema di patate omogenea.
    Immetterle dentro una ciotola e versare anche il parmigiano, prezzemolo, pangrattato, uovo, pepe e sale fino
    Poi, per ultimi, i semi di zucca. Mescolare molto accuratamente il tutto. Ora prendete una teglia, ponete un foglio di carta forno e versate dell’olio al di sopra. Preparare le polpette e collocarle sulla teglia, dovranno essere schiacciate così cuoceranno meglio.
    Accendere il forno e quando è caldo, immettere la teglia a cuocere. Cuocete a 180° per circa 20 minuti. Dopo dieci minuti girare le polpette. Le polpette di patate ai semi di zucca possono essere servite.