• 0
    Il tuo carrello è vuoto

MANDORLE " COMBATTERE LO STRESS OSSIDATIVO "

MANDORLE " COMBATTERE LO STRESS OSSIDATIVO "

09/01/2019

MANDORLE "ORIGINI E CURIOSITA"

La Mandorlaè il seme commestibile del Mandorlo, nome scientifico Prunus dulcis, che è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rosaceae e al genere dei Prunus. Le mandorle sono chiuse dentro un guscio legnoso e la stagione ideale per consumarle è la primavera, comunque sono in commercio tutto l’anno grazie al guscio che permette una lunga conservazione del seme.

Con il nome mandorle ci si riferisce a un prodotto tipico siciliano, generalmente vengono consumate secche durante tutto l’anno e si trovano fresche solamente in primavera.

MANDORLE PROPRIETA’ E BENEFICI

Le mandorle contengono una buona quantità di acidi grassi, principalmente monoinsaturi, che insieme ad una buona percentuale di manganese, rame e riboflavina (Vitamina B2), intervengono nelle diverse reazioni biochimiche che avvengono nel nostro corpo. Il loro utilizzo viene consigliato in determinati momenti in cui l’organismo ha particolarmente bisogno di energia. Gravidanze, convalescenze, attività sportiva, superlavoro fisico ed intellettuale. Questa proprietà si deve in particolar modo alla buona percentuale di manganese, rame e riboflavina. Le mandorle possono essere considerate un alimento completo. Sono meno grasse delle noci ad esempio, ma hanno maggiori proprietà stimolanti e curative. Per questo sono consigliate in caso di denutrizione. “Una sola manciata di mandorle può contenere un ottavo del nostro fabbisogno giornaliero di proteine”.

MANDORLE E COLESTEROLO

Secondo uno studio condotto dall’Health Research e Studies Center, assumere regolarmente un piccolo quantitativo di mandorle aiuterebbe ad abbassare i livelli del colesterolo cattivo LDL nel sangue. Grazie alla partecipazione dei grassi monoinsaturi, considerati "grassi buoni" che operano riducendo la quota di colesterolo LDL, definito "cattivo", nel sangue. Elevate quantità di colesterolo nel sangue portano al cosiddetto stress ossidativo cioè un danno cellulare causato da un surplus di specie chimiche nell'organismo e la vitamina E è determinante per mantenere sotto controllo questo processo, essendo un antiossidante.
Ma senza scordarci anche il ruolo della fibra che consente di ridurre l'assorbimento del colesterolo degli alimenti e di quello prodotto dal nostro organismo, e ciò conferma l'esistenza di un legame tra livelli di colesterolo e di mandorle consumate.

Questi semi hanno numerose proprietà, fra cui anche quella di combattere le infiammazioni intestinali e di migliorare e di fortificare l'intestino. Secondo uno studio scientifico recente questi semi sono un'ottima fonte di prebiotici, sostanze che non vengono assorbite dall'organismo, ma utilizzate dalla flora batterica intestinale. Le mandorle sono di grande aiuto, anche, in caso di stipsi o in presenza di intestino infiammato, causata da uno squilibrio della flora batterica intestinale che si rivela sotto forma di gonfiore addominale. Poiché favoriscono l’evacuazione delle feci, in molti considerano le mandorle lassativi naturali, però se si vuole accelerare il processo digestivo e i loro effetti benefici è essenziale accompagnarle con tanta acqua.

MANDORLE E CERVELLO


Le mandorle contengono molte sostanze nutritive che aiutano la salute e lo sviluppo del cervello, nello specifico sono molto importanti la riboflavina e la L-cartinina. Si è dimostrato che aumentano l’attività cerebrale con la formazione di nuovi percorsi neurali. Tra le loro proprietà c’è anche quella di diminuire il rischio di sviluppare l’Alzheimer.Le mandorle, secondo la medicina Ayurveda, contribuiscono alla longevità ed all’innalzamento del livello intellettuale”.

MANDORLE E DIABETE

Il consumo di mandorle è ideale per chi soffre di diabete, dato che questi semi sono in grado di regolare i livelli di zucchero nel sangue durante la fase digestiva del post pranzo, e permettono di rendere più lento l’assorbimento del glucosio presente negli alimenti ingeriti. Anche gli acidi grassi monoinsaturi e gli omega-3, contenuti nelle mandorle, costituiscono degli ottimi nutrienti per la regolazione del livello glicemico. Inoltre essendo anche prive di grassi saturi, il loro utilizzo di mandorle è ideale per i soggetti diabetici.

Il calcio nelle mandorle con magnesio e fosforo apporta benefici alle ossa ed ai denti, prevenendo l'osteoporosi. Altro composto molto importante per prevenire e contrastare l'osteoporosi è la Vitamina D, una vitamina liposolubile fondamentale per la gestione dei livelli di calcio e fosforo nel sangue, utile per la formazione e il mantenimento del tessuto osseo.

MANDORLE E DIETA 

Non si può dire che le mandorle facciano dimagrire, ma se messe all’interno di una dieta dimagrante oltre a fornire numerosi benefici, aiutano anche a perdere peso. I grassi insaturi presenti nella mandorla migliorano la composizione corporea favorendo la trasformazione degli alimenti assunti in massa magra anziché in massa grassa, riducendo l'accumulo lipidico nelle varie parti del corpo. Infatti si pensa che proprio l’alto contenuto di grassi insaturi aiuti a perdere grasso nella zona del tronco.

la dose di mandorle da non superare giornalmente è di 30-35 grammi che corrispondono a circa 15-20 mandorle”.

 

MANDORLE PROPRIETA'

Le Mandorle contengono: Acqua 5g; Grassi 52g; Zuccheri 4,95g; Fibra 10,9g; Proteine 21g; Amido 0,71g; Ceneri 3,1g.
Questi invece sono gli aminoacidi: Acido Aspartico, Acido Glutammico, Alanina, Arginina, Cistina, Glicina, Fenilalanina, Istidina, Isoleucina, Leucina, Lisina, Prolina, Metionina, Serina, Tirosina, Triptofano, Valina, Treonina.
Nel seme è presente anche una piccola quantità di laetrile, considerata una sostanza con proprietà antitumorali.

MANDORLE CALORIE 
100 grammi di Mandorle hanno una resa calorica pari a 595 calorie.

 

 

 

 

 

MANDORLE RICETTA

  • Quaresimali
    Per 20 biscotti

    • 125 gr di farina 00 • 125 gr di zucchero • 100 gr di mandorle • 1 uovo • 1 pizzico di sale • 1 cucchiaio di cedri canditi • 1 cucchiaino rado di lievito per dolci • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia • 1/4 di cucchiaino di cannella • noce moscata • 1 uovo per spennellare

In una ciotola mettete farina, zucchero, mandorle, uovo e sale ed impastate.
Aggiungete poi cedro candito tagliato a cubetti, lievito, vaniglia, cannella e noce moscata e tornate ad impastare. Con l'impasto ottenuto formate due filoncini, quindi posizionateli su una teglia rivestita da carta forno e spennellateli con l'uovo.
Cuocete a 200 °C per 20 minuti. Quando i filoncini saranno raffreddati tagliateli per formare i biscotti. Infornateli nuovamente a 170 °C per 15 minuti. Una volta raffreddati, vostri quaresimali sono pronti per essere gustati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Argomenti

Prodotti correlati


"+ ""); // ]]>